LETTERE AL DIRETTORE – IL NODO DELLE PARTECIPATE

La Provincia di Cremona – 6 aprile 2018

Egr. direttore,
da tempo, soprattutto da parte di chi deplora la privatizzazione totale dei Servizi, si dibatte in città il caso LGH-A2A. A noi di Popolo Sovrano il discorso non interessa: Grillo ci ha sbattuto violentemente contro per anni, ancora non sa che pesci pigliare… Noi l’abbiamo chiarito in tre giorni di riflessione. L’argomento delle Partecipate, infatti, è stato proprio l’ultimo risolto dal Manifesto del nostro Partito. Ad essere sinceri, un po’ di fifa l’abbiamo provata. Se le logiche emerse nei precedenti cinque mesi d’impegno non avessero tenuto, avremmo fallito proprio nell’atto finale. Un disastro tremendo, per noi, che avevamo passato tutte le mattine e i pomeriggi attaccati al computer e soprattutto al primo articolo della Costituzione. Fra l’altro, la regola più “impossibile” di tutte, quella che i nostri politici e funzionari non avrebbero mai più dovuto fatturare e incassare (è diritto dei soli padroni), ci appariva così pesante e ingombrante che temevamo di dover arrivare a miserabili compromessi. Invece, settantadue ore dopo, la logica del cittadino sovrano era vincente.
POPOLO SOVRANO
www.popolo-sovrano.org