PERCENTUALE ERARIALE

 

È uno dei quattro Parametri Erariali di Sicurezza, l’unico addetto al caricamento  dell’Erario Sovrano, e anche l’unico (tra tutti i flussi di denaro in entrata) a caricare soldi veri, in quanto provenienti da lavoro concreto (gli altri – Gabelle di Ritorno, Welfare Diretto, Welfare Volontario, Reddito d’Uguaglianza – sono solo partite di giro, cioè delle redistribuzioni di denaro).

Consiste nel prelievo automatico di una frazione (sempre uguale per tutti i prodotti e servizi) delle transazioni che le macchine contabili dello Stato rilevano tra i soggetti privi di Partita Erariale (per le macchine ‘0’) e i soggetti che ne sono invece dotati (per le macchine ‘1’). Quando cioè un privato, in poche parole, paga un’azienda che gli sta vendendo qualcosa. 

Non è una tassa, ovviamente, ma un semplice corrispettivo, perché lo Stato, fornendo dei servizi assolutamente essenziali per gli stessi prodotti/servizi, è come qualsiasi altro venditore, e dunque da saldare (vedi il Budget Statale Annuo). In ogni caso, è il popolo stesso a deciderne il valore, che potrebbe anche essere zero se provvedesse allo Stato col Saldo Unico e non volesse poi usare l’Erario per produrre tutta Rendita Sovrana.

In presenza di moneta tutta elettronica, circolante a spese dello Stato e sotto il suo integrale controllo, le macchine resteranno assolutamente inattive con le transazioni da privati a privati (denaro da “0” a “0”), da aziende a privati (denaro da “1” a “0”), e da aziende ad aziende (denaro da “1” a “1”).