POPOLO SOVRANO E LA MONETA DEI PADRONI

IL_CONTANTE_IN_ORO


Detto con simpatia: adottando la Riforma, sarà facilissimo liberare lo Stato da tutti i parassiti perché, con budget limitato, gli statali stessi provvederanno all’operazione; liberarsi dagli economisti, invece, sarà tutt’altra faccenda.
Ecco un dialogo classico (“servi”, nel linguaggio del Partito, significa “politici e funzionari stipendiati”).

 

«Scusa, non ho capito. Popolo Sovrano vuole che l’Italia resti nell’Euro, o che possa stamparsi la sua moneta?»

.«Il Partito è indifferente ad entrambe le scelte, perché la sovranità a cui ambisce non è quella partecipata e caotica – cioè, un po’ di sovranità a noi cittadini, un po’ di sovranità ai servi – ma quella reale, cioè padronale, principesca. Il comando può certamente essere affidato a terzi, ma non la proprietà. Quando gli azionisti di una SPA nominano un Consiglio d’Amministrazione, gli affidano il comando. Quando un armatore sceglie un capitano per la sua nave, gli affida il comando. Ma non la proprietà».

«Ok, vada per i “servi”, e quindi?»

«Quindi i Cittadini, a Riforma avviata, avendo già la proprietà assoluta dello Stato, non hanno più pericolosi “servi” – per l’appunto tali – in giro a fare pasticci. Servi a a livello parlamentare, servi regionali, servi provinciali, servi comunali, tutti in grado d’andare per banche a far debiti. Il Consiglio d’Amministrazione finisce sotto l’assoluto controllo dell’Assemblea degli Azionisti. Anzi, ora c’è la frusta, la museruola, altro che i lussi e la vita da manager! L’intero Stato vive del suo preciso budget annuo, assegnatogli in fase elettorale, cioè della sua bella Iva fino ad un determinato Tetto d’incasso, e non può più far debiti, non può più ritrovarsi senza soldi per gli stipendi, non può più stampare titoli, non può più sforare d’un solo centesimo. È un servo, un subordinato, un’entità pagata per realizzare dei precisi progetti, e quindi un soggetto assolutamente incapace di danni».

«E dunque? Che moneta sarebbe quella che…»

«Un attimo! Adesso ci arriviamo. La conclusione, ovviamente, è che il cittadino sovrano può stare nello sciocco country club Europa o andarsene, perché nessuna scelta gli cambierà la vita. Ormai è fuori dalla palude, non c’è più niente che lo costringa a scelte disperate. MONETE PER BIMBI PADRONICerto… Se il canone annuale va pagato a fine anno, allora, andando via a marzo, qualcosa bisognerà pur tirar fuori. E subito! Però non sarà un’angosciante questione di servi che vanno nelle cucine a farsi dare dei soldi, che poi glieli ridanno ma con gli interessi, che poi lo spread scende, che poi lo spread sale, che se mi compri dei Titoli allora tengo i tuoi nelle banche, e se io, e se noi, e se loro…. Con la Riforma, i servi lavorano, lavorano, e lavorano».

«Ok, ma lo Stato è “sovrano” o non lo è? Può stampare della moneta, oppure…?»

«Certo che può stamparla! Il comando è suo! Se vuole, la stampa. Ma la proprietà è nostra, però! Se stampa la moneta oggi, stanotte la accrediterà sui conti correnti di noi padroni! Lo Stato ha già il suo budget per funzionare! Che deve farsene di altra moneta? E poi, non penserai che siamo così stupidi da lasciare ai “servi” il diritto di stampare dei soldi e di tenerseli, vero?»

«Ma voi siete pazzi! Lo Stato stampa per realizzare infrastrutture, non per dare la moneta agli impiegati!»

«Vero! Ma… A parte il fatto che stampa anche per quello, se tu ieri avevi 10.000 Euro in banca, e adesso circola molta più moneta, ora ne hai, come potere d’acquisto, 9.990. Ti hanno portato via un millesimo; a te, come a tutti noi. E dunque? Chi è il più pazzo? Tu che li autorizzi a svalutare i soldi dei padroni, o noi che li costringiamo a spedirceli subito?».
.

Nota: per i motivi di sovranità illustrati nel Manifesto, i giovani percepiscono dallo Stato le stesse rendite e suddivisioni degli adulti sin dal giorno della loro nascita. A partire dai 14 anni in poi, durante cioè la “professionalizzazione”, percepiscono anche uno stipendio in quanto “apprendisti del sistema”. Questa però, assieme alla drastica smaterializzazione del sistema scolastico, è tutt’altra storia.

SALVADANAIO_CON_MONETE