CONTO ERARIALE SOVRANO

 

È il terminale dell’Erario pubblico assegnato a ogni co-sovrano alla nascita. Paragonabile al forziere del re , è insequestrabile per principio e NON PUÒ ESSERE USATO:

  • per pareggiare i conti con la Pubblica amministrazione (Gabelle non pagate…);
  • come normale conto bancario (solo il titolare può farvi accrediti, che però per l’Erario sono donazioni al popolo);
  • come fonte di prelievi per il Welfare Diretto.

In quanto forziere del re, non può essere ereditato dai diretti familiari, e le eventuali giacenze vengono riassorbite e distribuite al re, il popolo.